JM News Portal - шаблон joomla Продвижение

E' indimenticabile per noi la data del 1986 - la nostra sezione ricevette dall’allora C.A.R. Sergio BOCCALATTE e dal C.R.A. Gualtiero PANE il battesimo ufficiale. 

La nascita di questo gruppo associativo si inseriva in un progetto di più ampio respiro mirante a rendere più capillare ed uniforme la presenza dell’A.I.A. sul territorio circostante il capoluogo piemontese. 

Si comprese infatti, in quegli anni, che il lavoro degli organi tecnici regionali non poteva essere agevolato se non da un migliore e più diretto contatto tra gli arbitri e l’istituzione regina della nostra associazione: la sezione. E non è un caso che risalga proprio a quel periodo la decisione di demandare poteri realmente più forti ai Presidenti di Sezione, i quali avrebbero, di li a poco, assunto la veste di organi tecnici periferici, eletti direttamente dai soci. 

Il volitivo e avveduto Antonio PAIRETTO colse appieno queste indicazioni e, spinto da un’imperturbabile forza d’animo, richiese con ostinata e costante intraprendenza che fosse staccata una costola della “grande” Sezione madre, formata in grande maggioranza da colleghi residenti nella zona Sud di Torino, per designare Nichelino quale opportuno epicentro dell’attività periferica.

Malgrado alcune minime quanto comprensibili resistenze, il piano di decentramento fu approvato e Nichelino ebbe così la sua Sezione.

Quale sede fu individuato un appartamento nella centrale via Torino, cui il lavoro dei primi associati, uno splendido gruppo di sessanta elementi, diede smalto e funzionalità. Non possiamo non ricordare il brio, la smania e l’entusiasmo che muovevano l’opera di quegli arbitri. Cosi come non è possibile dimenticare il clima di rispettoso e raccolto silenzio che accompagnava le riunioni tecniche all’interno della Sala Consiliare del Comune di Nichelino: un atmosfera dolce ed autentica in cui con trepidazione si attendevano le più importanti novità da discutere ed elaborare in febbrili riunioni tenute dapprima presso la bocciofila “Club del Sergent”, in seguito proprio presso una stanza della sezione di allora. 

Indimenticabili quei momenti conviviali vissuti in seno alla bocciofila, la rusticità e la familiarità di quelle occasioni d’incontro, le pizze fumanti, i piatti caserecci saggiati in compagnia con il sapore d’una scampagnata.

Due anni dopo, cresciuto notevolmente l’organico, si ritenne opportuno cercare una più idonea soluzione logistica alle necessità di spazio che si andavano presentando, ed ecco il motivo per cui ci trasferimmo nella sezione di via XXV Aprile. 

Le mansioni di segretario erano allora assolte dall’infaticabile Olinto BESIO, mattatore sin dal sorgere della Sezione, mentre già si profilava il ruolo dell’O.T.P. sezionale e futuro presidente.

I collaboratori sono stati tantissimi e ci spiace davvero, per ovvie ragioni di spazio, non poterli citare tutti come meriterebbero: menzioniamo così i primi cassieri facenti funzione BORIO e PANNACE, anche se l’epoca delle diarie liquidate in sezione è terminata, e oggi, mutati i tempi, ci ritroviamo a fare i conti con gli assegni “ritardatari”.

Il consiglio Sezionale, con i dovuti avvicendamenti, non ha cambiato il proprio assetto, e gli irriducibili non mollano. 

Per ciò che attiene ai corsi per Arbitri, con il compianto Pairetto che è stato il primo promotore degli stessi, occorre citare BORIO, gli ex colleghi LANZA, CINOFFO M. e BANFO e non ultimi BASILE e CALCAGNO, TREVISAN, BUONOCORE, PENNO e TRENTALANGE per arrivare ai nostri ALIBRANDI e TORNATORE.

Arriviamo così al più recente passato. PAIRETTO - sempre lui - ottenne dal Comune di Nichelino due aule mobili del complesso scolastico “ Rodari “, ed è qui che la nostra azione di operatori sportivi, associata da circa quindici anni ad una mole di lavoro e fatiche non indifferenti, vede avvicendarsi la grinta dei designatori con la precisione dei segretari, la costanza dei responsabili per le diarie con la fiscalità dei responsabili amministrativi. 

Con l'avvento dell'utilizzo dei computer, i tempi di verifica si sono notevolmente ridotti. 

La vita sezionale ha ora un cervello proprio, una memoria: designazioni, passaggi, assenze alle riunioni tecniche, e mille e mille altri aspetti e dati vengono puntualmente registrati e aggiornati. 

La sala consigliare che per un periodo lasciò il posto al Salone Parrocchiale per ospitare le riunioni tecniche. 

Sono più vent’anni che ci incontriamo, festeggiamo, traslochiamo, ci sacrifichiamo, gioiamo per le nostre vittorie e meditiamo sui nostri insuccessi.

Sono più di vent’anni che il cuore vivo e vero della nostra attività, la nostra sezione, pulsa del nostro lavoro e delle nostre emozioni!

Grazie anche a questo, dal 2008 siamo in una nuova sede che ci permetterà di essere più grandi di noi.

La nuova sede, posta in Via San Matteo 13, ci permetterà di essere al centro della città di Nichelino e quindi facilmente raggiungibile dai giovani ragazzi che si avvicinano al mondo arbitrale.
Siamo ancora una Piccola Sezione ma ancora con grandi obbiettivi da raggiungere.

   

 

 

 

   
logo silvana logo la Zaco logo Maglione logo Logho logo Piatino